5 REFERENDUM ABROGATIVI POPOLARI EX ART. 75 COSTITUZIONE - 12 GIUGNO 2022

Domenica 12 giugno 2022 dalle 7:00 alle 23:00 si terranno cinque referendum abrogativi in materia di giustizia.

Data di pubblicazione:
11 Maggio 2022
Immagine non trovata

I cinque quesiti:

 

1) Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi;
2) Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell'ultimo inciso dell'art. 274, comma 1, lettera c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale;
3) Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati;
4) Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei consigli giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte;
5) Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della magistratura.


Il testo completo dei quesiti dei referendum popolari è consultabile sul sito del Ministero dell'Interno

Per la validità del referendum abrogativo è obbligatorio che vada a votare la metà più uno degli elettori aventi diritto.


Chi può votare

Possono votare tutti i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali del Comune e che avranno compiuto il 18° anno di età il 12 giugno 2022.
L'elettore deve presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale 

I cittadini italiani residenti all'estero (AIRE), possono votare all'estero per corrispondenza, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del relativo regolamento di attuazione approvato con d.P.R. 2 aprile 2003, n.104. 

 


La tessera elettorale

La tessera elettorale è il documento che permette l'esercizio del diritto di voto e che attesta la regolare iscrizione del cittadino nelle liste elettorali del comune di residenza. Deve essere usata per tutte le consultazioni elettorali (elezioni politiche, amministrative ed europee, referendum) ed è valida fino all'esaurimento dei diciotto spazi predisposti per la certificazione dell'avvenuta partecipazione alla votazione.
La tessera elettorale non può essere sostituita con l'autocertificazione.

La tessera viene rilasciata e consegnata direttamente a casa del cittadino a seguito di iscrizione nelle liste elettorali per:

  • compimento dei 18 anni di età;

  • trasferimento di residenza da altro comune;

  • acquisto della cittadinanza italiana;

  • cambiamenti di cognome e/o nome, rettifica dei dati di nascita, sesso e codice fiscale;

  • ricomparsa da irreperibilità;

  • riacquisto della capacità elettorale.

Le liste elettorali vengono costantemente aggiornate attraverso il meccanismo delle revisioni, a determinate scadenze e con procedure identiche in tutti i Comuni italiani, come previsto dalla normativa in materia. In prossimità delle elezioni si procede a una revisione straordinaria delle liste elettorali.

Nel caso di cambio di abitazione all'interno del territorio comunale, è sufficiente richiedere all'ufficio elettorale una etichetta adesiva da apporre nello spazio apposito della tessera. Le variazioni di indirizzo vengono registrate nei mesi di gennaio e luglio.


Casi particolari (smarrimento, furto, deterioramento tessera)

TRASFERIMENTO DI RESIDENZA
Il nuovo comune di residenza consegna al titolare una nuova tessera elettorale e ritira quella rilasciata dal comune di precedente residenza. In caso di trasferimento di residenza all'interno del territorio comunale che comporti il cambio del seggio di votazione, l'elettore riceve un'etichetta da applicare sulla tessera con l'indicazione del nuovo indirizzo e del nuovo seggio dove recarsi a votare.

SMARRIMENTO o FURTO DELLA TESSERA
E' necessario presentare richiesta di duplicato (vedi allegato).

DETERIORAMENTO DELLA TESSERA
Quando la tessera elettorale è inutilizzabile a causa del deterioramento, il titolare deve richiedere un duplicato;  l'originale deteriorato viene ritirato dall'ufficio (vedi allegato).

ESAURIMENTO DEI 18 SPAZI DISPONIBILI NELLA TESSERA
L'elettore deve richiedere una nuova tessera esibendo all'ufficio quella completa (vedi allegato).


Come e dove richiedere la tessera elettorale

La tessera elettorale è gratuita e può essere consegnata anche ad un familiare o una terza persona munita di delega, alla quale va allegata copia del documento di identità del titolare della tessera.

Nei casi di furto, smarrimento, deterioramento o esaurimento degli spazi disponibili, è possibile richiedere la tessera elettorale recandosi direttamente presso:

  • Comune di Vigodarzere - Ufficio Elettorale - piazza Vittorio Bachelet, 5.

​Il rilascio è immediato.


Come votare

Per votare è necessario presentarsi al seggio elettorale in cui si è iscritti (indicato nella tessera elettorale) muniti di tessera elettorale rilasciata dal Comune di Padova e di carta di identità o di altro documento di identificazione, rilasciato da una pubblica amministrazione, munito di fotografia (patente, passaporto o altro documento).

L'avvenuta partecipazione al voto viene attestata dalla apposizione della data e del timbro di sezione in uno degli spazi predisposti sulla tessera.


Voto di elettori con limitazioni fisiche

VOTO ELETTORI NON DEAMBULANTI
Gli elettori non deambulanti, quando la sezione presso cui sono iscritti per votare non è accessibile, possono richiedere informazioni presso l'ufficio elettorale.
L’elettore non deambulante deve esibire al presidente del seggio prescelto la tessera elettorale e un’attestazione medica di "impossibilità o capacità gravemente ridotta di deambulazione",  rilasciata dal medico competente dell'Asl anche in precedenza o per altri scopi, o esibendo semplicemente la patente di guida speciale.
 

VOTO ASSISTITO
L’elettore in grado di recarsi al seggio elettorale ma fisicamente impossibilitato ad esprimere il voto autonomamente può farsi assistere, nell'operazione di voto, da persona di sua fiducia; sulla tessera elettorale dell’accompagnatore dovrà essere annotato l’assolvimento di questa funzione e dovrà quindi essere apposto, nello spazio destinato alla certificazione del voto, la data e la scritta "accompagnatore".
Per accedere al voto assistito, l’elettore deve consegnare all'ufficio elettorale l'apposito modulo (da richiedere all'ufficio elettorale) accompagnato dalla certificazione rilasciata dal medico competente dell’Asl, in cui dovrà essere attestato che l’impedimento fisico è di natura permanente o, nel caso degli elettori non vedenti, il libretto di pensione in cui sia indicata la categoria "ciechi civili"; l'ufficio elettorale provvederà all’apposizione sulla tessera elettorale del timbro "Adv" (Diritto voto assistito). 
 

VOTO DOMICILIARE
Gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l’allontanamento da casa risulti impossibile, possono esprimere il voto nel proprio domicilio, presso l’abitazione di residenza o presso l’abitazione in cui dimorano per motivi di assistenza. In questo ultimo caso, l'abitazione deve essere nel comune di residenza, per le votazioni comunali, nella provincia comprendente il comune di residenza, per le votazioni comunali, nella regione comprendente il comune di residenza, per le regionali.

Per poter votare a domicilio una persona delegata dall'elettore deve produrre, all'Ufficio elettorale, in un periodo compreso fra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la votazione:

  • richiesta voto domiciliare (modulo da richiedere all'ufficio elettorale);

  • una certificazione rilasciata dal medico dell’Ulss (ovvero il medico del Distretto Socio-Sanitario dove l’elettore è domiciliato) che attesti le gravissime infermità;
    per informazioni sulla certificazione contattare il Distretto sanitario di riferimento;

  • fotocopia del documento di identità;

  • fotocopia della tessera elettorale dell'elettore.

L’ufficio elettorale consegnerà tutta la documentazione al Presidente di seggio della sezione in cui si trova l’abitazione dell’elettore, affinché lo stesso possa recarvisi per raccogliere il voto.

 

VOTO PRESSO OSPEDALI E CASE DI RIPOSO

In occasione delle elezioni, gli elettori ricoverati presso strutture ospedaliere o case di riposo possono votare presso i seggi appositamente istituiti nei luoghi di ricovero presentando la domanda al direttore sanitario, che inoltra la domanda all'ufficio elettorale per il rilascio dell'autorizzazione.
Il giorno delle elezioni l'elettore dovrà essere munito di tessera elettorale e documento di riconoscimento in corso di validità.


Normativa di riferimento

  • DPR n. 299 dell'8 settembre 2000 "Regolamento concernente l'istituzione, le modalità di rilascio, l'aggiornamento ed il rinnovo della tessera elettorale personale a carattere permanente, a norma dell'articolo 3 della legge n. 30 aprile 1999, n. 120".

  • DPR n. 223 del 20 marzo 1967 "Approvazione del testo Unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato attivo e per la tenuta delle liste elettorali".


Riferimenti

Ufficio elettorale - Servizi Demografici e Cimiteriali.

Luogo: piazza Bachelet, 5 Vigodarzere

Telefono: 049 8888350

Orario: lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle ore 8:30 alle 12:30.

Apertura straordinaria per rilascio tessere elettorali: da lunedì 6 giugno al venerdì 10 giugno aperto dalle 15 alle 18; sabato 11 dalle 9 alle 18 e domenica 12 dalle 7 alle 23.

Email: protocollo@vigodarzerenet.it

PEC: vigodarzere.pd@cert.ip-veneto.net  

Responsabile del procedimento: Sig.ra Monica Stortolani